Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare l'esperienza dell'utente ed il sito. Chiudendo questo messaggio accetti il loro uso. Per saperne di più leggi la nostra Privacy policy

 

Come funziona

Architettura

Duplo è composto da tre moduli funzionali:

  • Motore cattura-variazioni: prende nota delle modifiche da comunicare, anche quando Duplo è inattivo
  • Trasmettitore/Applicatore: spedisce le variazioni ai database destinatari e provvede ad inserirle
  • Console di gestione: interfaccia utente che permette di configurare e controllare i processi di aggiornamento.

Gli strumenti con cui lavora Duplo sono:

  • Task Manager: è lo strumento principale messo a disposizione dall’interfaccia utente, serve a configurare ed eseguire le operazioni fondamentali del processo di sincronizzazione sulle tabelle configurate in quel determinato sistema.
  • Journal Reader: il lettore di giornale è l'elemento che elabora le variazioni catturate dai trigger e le mette a disposizione dei trasmettitori sulla base delle regole definite in fase di configurazione. La stessa transazione può infatti essere distribuita ad uno o più sistemi di destinazione, con regole di sincronizzazione e trasformazione del dato diverse.
  • Log dei messaggi: visualizza i messaggi prodotti dal Duplo Service Manager. Ogni operazione di configurazione e caricamento dati viene registrata in questo log; per ogni sistema vengono tracciate l'operazione effettuata, il tempo intercorso per l'esecuzione dell'operazione e il risultato dell'operazione stessa. Possono essere registrate tre tipologie di messaggio:
    • Informativi: sono messaggi che informano l'amministratore di sistema sulle operazioni effettuate.
    • Attenzione: sono messaggi che meritano l'attenzione dell'amministratore, in quanto indicano che è intervenuta un'operazione manuale che ha impedito il corretto svolgimento dell'azione.
    • Errore: sono messaggi che indicano un malfunzionamento.
  • Sender pending events: il trasmettitore è l'elemento di Duplo che si preoccupa di inviare le modifiche al sistema di destinazione; avvia tanti processi di trasmissione quanti sono i sistemi a cui deve inviare le transazioni di allineamento. Il principio alla base della sincronizzazione è quello relativo alla possibilità di inviare, da parte di un singolo sistema di origine, transazioni a uno o più sistemi di destinazione.